A tutti è sorta almeno una volta la domanda “Ma posso davvero filmare o registrare cosa succede in un ufficio pubblico?”. Con questo articolo vediamo di spiegare esattamente quando è possibile farlo e le limitazioni di questo.

Attingo le informazioni da un chiarissimo articolo da “La Legge per Tutti”, lo puoi leggere qui.

La risposta fondamentale è sì, in tutti i casi tranne quando la legge lo vieta esplicitamente. Ad esempio, se la polizia sta facendo un’indagine sotto copertura, la cui segretezza è esplicitamente decisa da un magistrato, ovviamente non potremmo riprendere tale operazione.

Ma in tutti gli altri casi? Assolutamente sì, nella misura in cui sgraneremo il volto dell’interlocutore e prendiamo i dovuti provvedimenti per garantirne la privacy, particolarmente se decidiamo di diffondere il materiale sul web (personalmente sconsigliatissimo), assolutamente possiamo registrare tutto quello che avviene!

Perché la registrazione è così importante da dedicarvi un post intero? Semplice, quando andremo al colloquio con l’ASL non dovremo farci nessuna remora nel registrare, in quanto dovremo DOCUMENTARE il rifiuto da parte del medico di fornirci le informazioni da noi richieste!

Questo ci tutelerà in futura sede amministrativa, o addirittura giuridica, in quanto proveremo che noi “abbiamo fatto di tutto” per vaccinare nostro figlio, ma l’ASL non ha voluto procedere in quanto si è rifiutata di seguire la legge, sia nazionale che internazionale, che gli impone di fornirci tutte le possibili complicazioni, rischi e benefici, riguardo a questo importante atto medico che è la vaccinazione.

SOMMARIO

Sì, è possibile registrare quando si va in qualsiasi luogo pubblico, rimane importante ovviamente tutelare la privacy delle persone. Ma oltre che questa, abbiamo qui uno strumento per tutelare i nostri importantissimi diritti. Assicurati di utilizzarlo al prossimo colloquio!

Se hai qualsiasi domanda o commento, non esitare ad inserirla nei campi sottostanti!